Ariccia, Palazzo Chigi, LAZIO.VARIO PER NATURA

"LAZIO.VARIO PER NATURA"
L'ambienti e i Parchi in mostra: Per scoprire i valori, condividere i programmi
di Isabella Pompei

John Warwick' Smith - AricciaLa elegante e misurata architettura del Palazzo Chigi di Ariccia che si adagia sullo sfondo di un rigoglioso bosco rappresenta la sede ideale per la mostra multimediale "Lazio. Vario per natura", aperta dal 30 gennaio al 24 febbraio 2002. La lunga fuga di ambienti che costituiscono il secondo piano del Palazzo ben si prestano a segnare il trascorrere attraverso vari ambientali naturali della regione proposti dal materiale espositivo composto di riproduzioni fotografiche, di recipienti contenenti esempi delle particolarità naturali quali semi, sabbie foglie, di filmati, di plastici nonché suoni.


La mostra vuole mettere in evidenza la varietà degli ambienti naturali che caratterizzano la regione attraverso l'indagine di una varietà di possibili situazioni nel rapporto uomo-natura: l'uomo contro la natura, l'uomo nella natura, la natura con l'uomo, la natura per l'uomo, l'uomo per la natura.
Le possibili relazioni individuate diventano il filtro attraverso cui guardare alcuni aspetti fisici e antropologici della Regione permettendo di svelare aspetti nuovi e riscoprirne altri più noti.

La scelta di mostrare immagini fotografiche appare la soluzione giusta rispetto agli intenti: le belle riproduzioni infatti ci fanno VEDERE ambienti e fauna con cui abbiamo a volte un contatto quasi quotidiano, o che al contrario riportano alla mente ricordi di passeggiate da bambini o ancora mostrano ambienti caratterizzati da una fauna e flora che non si pensava abitassero le nostre zone. Le installazioni che ricostruiscono i vari percorsi di lettura affrontano il degrado ambientale (l'uomo contro la natura) con immagini che trasformano l'esperienza quotidiana a cui gli occhi si sono ormai assuefatti in una icona che colpisce l'osservatore.

Il tema della "natura con l'uomo" (la vita nell'ambiente antropizzato) è una sezione affascinante che permette di scoprire i tesori, le particolarità di un mondo che ci è vicino ma che spesso non conosciamo ed osserviamo.
Dopo uno sguardo sul mondo agricolo che rappresenta un modo antichissimo di vivere a contatto con la natura si affronta il tema degli ambienti e delle aree protette del Lazio: è questa la parte più programmatica che mette in luce gli sforzi fatti per mantenere un equilibrio e un rapporto possibile tra uomo moderno e mondo naturale.
Quanto realizzato in passato diventa oggi punto di partenza per uno sviluppo umano ed economico che si configura possibile se fondato sul concetto di sostenibilità cioè di un corretto e misurato rapporto dell'uomo nell'uso delle risorse ambientali.

Le zone protette della Regione (13 Parchi Regionali, 20 Riserve Naturali Regionali, 8 Monumenti Naturali Regionali, 13 Aree Protette Regionali, 3 Parchi Nazionali, 4 Riserve Naturali dello Stato, 2 Aree Marine Protette, 10 Oasi del WWF e 2 Oasi LIPU) vengono proposte non come vincoli ma come un bene prezioso che rappresenta, conserva e trasmette un valore al contempo umano e storico. La grande diversità ambientale del Lazio la rende una delle regioni italiane più rilevanti per la conservazione delle risorse naturali, conservazione finalizzata allo sviluppo sostenibile e alla tutela delle biodiversità.
Percorrendo le varie sale sfilano di fronte ai nostri occhi le immagini della macchia mediterranea, delle pinete litoranee, delle foreste decidue e sempreverdi, dei laghi, dei fiumi…ci vengono incontro lupi, barbagianni, salamandrine dagli occhiali, rane….: una sorta di naturalistica Wunderkammer, camera delle meraviglie.


Un percorso affascinante per adulti e bambini per i quali si sono ricostruiti ambienti, create attività di animazione, postazioni multimediali e filmati.
Un percorso che permette di spostarsi in tutta la regione e di scoprirne le zone più belle e misteriose da conoscere ed amare.

Isabella Pompei

 

A seguito del grande successo della mostra
"Lazio, vario per Natura. L'ambiente e i Parchi in mostra. Per scoprire i valori, condividere i programmi
"
ospitata nelle sale del Complesso del Vittoriano di Roma dal 1 dicembre 2001 al 6 gennaio 2002, l'Assessorato all'Ambiente della Provincia di Roma in collaborazione con la Presidenza della Giunta, l'Assessorato all'Ambiente e l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Lazio, con l'Agenzia Regionale Parchi e con il patrocinio e la collaborazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, ha deciso di promuovere un tour dell'esposizione nella Provincia di Roma.

Prima tappa Ariccia, che ospiterà la mostra dal 30 gennaio al 24 febbraio 2002 nella splendida sede di Palazzo Chigi.



Ufficio Stampa: Novella Mirri tel. 06/3297708, fax 06/3297703, cell. 335/6077971 e-mail: novellamirri@iol.it

le immagini sono state tratte dal catalogo della mostra